AppleApple DeutschlandAppleApple FrançaisAppleApple ItalianoCeleriacCeleriac IconCloseClose IconCrustaneansCrustaneans IconDownDown IconEggsEggs IconFacebookFacebook IconFishFish IconGlutenGluten IconGoogle PlayGoogle Play Deutschland Google PlayGoogle Play Français Google PlayGoogle Play Italiano InstagramInstagram IconLactoseLactose IconLinkLink IconLoginLogin IconLookLook IconLoveLove IconLupinesLupines IconMcDonaldsMcDonalds IconMenuMenu IconMolluscsMolluscs IconMustardMustard IconNutsNuts IconPDFPDF IconPDFPeanutsPeanuts IconPinterestPinterest IconRouteRoute IconSearchSearch IconSesameSesame IconSnapchatSnapchat IconSoyaSoya IconStoreStore IconSulphiteSulphite IconTagTag IconTumblrTumblr IconTwitterTwitter IconYouTubeYouTube Icon

Swiss Poster Award per «50 anni di Big Mac»

Massimo riconoscimento per il burger di culto

La campagna pubblicitaria «50 anni di Big Mac» ha vinto ieri sera lo Swiss Poster Award 2019. L’idea di base della campagna è tanto semplice quanto convincente - proprio come il festeggiato. Sui poster, le due polpette a base di carne macinata del Big Mac sono state sostituite con diverse icone del 1968 e del 2018.

«Il Big Mac è stato in grado di deliziare i suoi fan per oltre 50 anni, forse proprio perché è sempre rimasto fedele a se stesso e non è cambiato. Una bella caratteristica in questi tempi segnati dalla frenesia», commenta Aglaë Strachwitz, Marketing Director di McDonald’s Svizzera.

Il mondo cambia, il Big Mac rimane il burger di culto

È a partire da questa intuizione che è stata realizzata lo scorso anno la campagna vincente TBWA\Zürich, realizzata con la partecipazione di 50 artisti e designer da tutto il mondo. Dal fax agli SMS, dal jukebox a Spotify, da Flirt a Tinder o da Hippie a Hipster: queste coppie di parole accostate in modo creativo hanno sostituito sui manifesti le polpette a base di manzo del Big Mac entusiasmando la giuria dello Swiss Poster Award.

50 anni di Big Mac

Da cinque decenni, il burger di culto creato dal licenziatario Jim Delligatti, è sinonimo di piacere e qualità - in tutto il mondo. In Svizzera, il primo Big Mac a passare su un bancone è stato all'apertura del primo ristorante a Ginevra, nel 1976. Anche allora, McDonald’s aveva acquistato la carne di manzo utilizzata per il Big Mac dalla Bell di Oensingen (SO), cosa che avviene ancora oggi. Che si tratti di carne, cereali o patate – McDonald's acquista oltre l’80% dei suoi ingredienti da produttori svizzeri, tra cui circa 10’000 contadini locali. Oltre alla leggendaria salsa e ai 90 grammi della migliore carne di manzo, anche il numero di semi di sesamo presenti sul panino del Big Mac è rimasto invariato: in media 178 semi di sesamo per panino. Anche l'economia ha scoperto da tempo il classico burger, lanciando, con il Big Mac Index, una classifica annuale che funge da indicatore semplificato del potere d’acquisto di un’economia.

Video della campagna: https://vimeo.com/314206149